• Oggi è: mercoledì, Luglio 28, 2021

Un’estate all’insegna di cinema e lavoro

Costantino Corbari
Costantino Corbari
Giugno28/ 2021

Il Premio Cipputi trova casa a Bologna

Il “Cipputi” riparte da Bologna. Non avendo più trovato spazio al Torino Film Festival, la sarcastica tuta blu di Altan riemerge nella celebre Piazza Maggiore del capoluogo emiliano-romagnolo. Due le serate in programma: sabato 3 luglio con un classico, La classe operaia va in Paradiso, diretto nel 1971 da Elio Petri, con un grande Gian Maria Volonté nel ruolo dell’operaio Lulù. Domenica 4 luglio, invece, consegna del Premio Cipputi 2021 e proiezione del film vincitore. Sarà lo stesso Altan a consegnare il Premio, accompagnato da Michele Serra.

Il premio Cipputi, creato nel ’96 al Festival Cinema Giovani di Torino, successivamente Torino Film Festival, dopo 24 edizioni pimontesi, da quest’anno inizia un nuovo percorso a Bologna avendo sempre come stella polare l’attenzione sulle trasformazioni che coinvolgono il mondo del lavoro.

Il premio è inserito nell’ambito della rassegna “Sotto le stelle del cinema”, che illumina uno degli schermi più grandi d’Europa, che la Cineteca di Bologna accende ogni estate da giugno ad agosto.

Il programma  ha preso il via il 21 giugno e proseguirà fino al 14 agosto: cinquantadue serate in piazza Maggiore e alla Lunetta Gamberini, nell’ambito di Bologna Estate 2021. Dal cinema italiano ai classici restaurati, con omaggi ai grandi attori e compositori.

Appuntamento con il Labour Film Festival

Giunto alla XVII edizione, si rinnova anche quest’anno l’appuntamento con il Labour Film Festival di Sesto San Giovanni. La più duratura e rappresentativa delle rassegna di cinema e lavoro, che non è stata fermata neppure dal coronavirus, torna come è ormai consuetudine a settembre con la proiezioni di alcuni tra i più recenti e significativi film e documentari che affrontano i temi del lavoro, dell’ambiente, dei diritti. Quest’anno un focus particolare sarà dedicato al problema della sicurezza sul lavoro, in un periodo in cui gli infortuni mortali si susseguono con drammatica progressione.

Il Labour Film Festival, che si svolge in quella che un tempo era chiamata la città delle fabbriche, giunta a occupare quasi 50mila tute blu, è promossa anche quest’anno da Acli e Cisl Lombardia, con il Cinema Rondinella, una sala che si qualifica per una programmazione di qualità lungo tutto l’arco della stagione.

Seconda edizione del Job Film Days

Se Torino allontana Cipputi, allo stesso tempo rilancia i temi del lavoro nel cinema con la seconda edizione dei Job Film Days. I JFD di quest’anno si svolgeranno dal 22 al 26 settembre 2021, per cinque giorni. Per tutta la durata del festival, grazie alla sinergia con i numerosissimi partner della manifestazione – tra gli altri il Museo Nazionale del Cinema e Cgil Cisl Uil torinesi – verranno organizzati eventi e proiezioni in vari luoghi della città.

Primo atto ufficiale del festival è l’apertura delle iscrizioni alle due sezioni competitive: il concorso internazionale dedicato al cinema documentario, che racconta i diversi aspetti del mondo del lavoro, e quello dedicato ai cortometraggi realizzati in Unione europea da registi under 40 che raccontano i lavori emergenti e le sfide del lavoro contemporaneo.

TN