• Oggi è: domenica, Aprile 18, 2021

Fondi strutturali, 330 miliardi dall’Ue per progetti regionali e locali nel periodo 2021-2027

Alessandra Servidori
Alessandra Servidori
Aprile07/ 2021

 L’UE rende disponibili oltre 330 miliardi di euro per progetti regionali e locali nel periodo 2021-2027 attraverso i fondi strutturali, per contribuire a ridurre le disparità economiche e favorire la ripresa dalla pandemia. Gli ambasciatori degli Stati membri presso l’UE hanno approvato i testi normativi che disciplinano i fondi, di importo pari a quasi un terzo del bilancio settennale dell’UE, confermando così l’accordo politico raggiunto con il Parlamento europeo.

La politica di coesione è il fulcro della solidarietà europea, in quanto i cittadini possono sentirne l’impatto sul campo. Ne traggono vantaggio regioni, lavoratori e imprese. Il pacchetto legislativo per il nuovo periodo di programmazione sosterrà la ripresa dell’UE e le transizioni verde e digitale. Il pacchetto coesione 2021-2027 prevede investimenti pluriennali, in cui la maggior parte delle risorse sarà destinata ai paesi e alle regioni meno sviluppati al fine di promuovere la coesione sociale, economica e territoriale in tutta l’UE. Nell’attuale contesto di crisi, oltre ad attenuare gli effetti sociali ed economici a lungo termine della pandemia di COVID-19, ciò contribuirà anche al funzionamento del mercato unico.

I colegislatori si sono accordati su cinque nuovi obiettivi strategici, che riflettono le principali priorità dell’UE: un’Europa più competitiva e più intelligente-un’Europa resiliente più verde e a basse emissioni di carbonio ma in transizione verso un’economia a zero emissioni nette di carbonio- un’Europa più connessa- un’Europa più sociale e inclusiva attraverso l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali-un’Europa più vicina ai cittadini. I progetti finanziati dai fondi vanno dalle infrastrutture di trasporto, gli ospedali e l’assistenza sanitaria, l’energia pulita, la gestione delle risorse idriche, lo sviluppo urbano sostenibile, la ricerca, l’innovazione e la digitalizzazione ai programmi per l’occupazione, l’inclusione sociale, l’istruzione e la formazione.

La nuova normativa semplifica le norme, riducendo la burocrazia e garantendo un uso più efficiente delle risorse. È importante sottolineare che è stata collegata al semestre europeo, un quadro per il coordinamento delle politiche economiche nell’ambito del quale vengono formulate raccomandazioni per le riforme strutturali a livello nazionale. In questo modo gli Stati membri avranno orientamenti sul modo migliore per investire il denaro dei fondi al fine di conseguire un impatto maggiore a livello regionale e locale. Inoltre, l’accesso alle risorse destinate alla coesione è subordinato alla conformità alla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea e alla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità. La proposta di normativa prevede inoltre un monitoraggio efficace del mercato degli appalti pubblici e una maggiore trasparenza, in quanto gli Stati membri forniranno informazioni più dettagliate sui beneficiari dei finanziamenti.

Nel complesso, circa il 30 % dei fondi strutturali contribuirà alla decarbonizzazione dell’economia, con un coefficiente climatico specifico per ciascun tipo di attività di investimento. I progetti dovranno inoltre rispettare il principio “non arrecare un danno significativo”, in linea con gli obiettivi ambientali dell’UE. Nel 2020 la politica di coesione si è rivelata essenziale per fornire una risposta immediata alla pandemia di COVID-19. Modificando le norme vigenti, è stato possibile mettere rapidamente a disposizione degli Stati membri liquidità da stanziamenti non utilizzati, con la flessibilità necessaria per poterla utilizzare laddove maggiormente necessaria. Sulla base di questa esperienza è stata aggiunta una nuova disposizione per l’utilizzo temporaneo dei fondi in risposta a emergenze future.

Il Parlamento europeo ha confermato  l’accordo politico nel mese di marzo. Mentre i progetti di regolamento molto probabilmente entreranno in vigore a giugno, dopo la messa a punto da parte dei giuristi-linguisti, le dotazioni degli Stati membri sono  effettive  dal 1º gennaio 2021. I 5 Fondi sono: Regolamento sulle disposizioni comuni che stabilisce le norme relative a tutti i fondiCoefficienti climatici e ambientaliFondo europeo di sviluppo regionale e Fondo di coesioneFondo sociale europeo PlusFondo per una transizione giusta (parte del Green Deal europeo) (Cliccare per stampare i PDF integrali )

Alessandra Servidori