Il guardiano del faro

notizie del giorno

›› tutte le notizie

I Blogger del Diario

›› tutti gli interventi

calendario

DoLuMaMeGiVeSa
1
2 3 45 67 8
9101112131415
161718192021 22
232425 26272829
30

dalle istituzioni

newsletter

link

argomenti

Galleria fotografica

Galleria fotografica

Il clima, Lehman Brothers e i confusi abitanti del pianeta Terra


Sudore in Finlandia. Sete a Città del Capo. Incendi devastanti in Grecia, in California, in Portogallo. Tempeste di sabbia in Giordania. Aria soffocante in India. Ondate di calore in Giappone e in Canada. Piogge improvvise In Italia. Uragani nelle Filippine.  Avanzata dei deserti in Africa. L’Artico a rischio scomparsa. 

La temperatura della Terra continua ad aumentare e il riscaldamento globale, con tutto quel che ne consegue, sembra inarrestabile. L’effetto serra, esasperato essenzialmente dalle emissioni di anidride carbonica, rende sempre più instabile e pericoloso il cambiamento climatico. Gli esperti hanno suonato da tempo l’allarme e la consapevolezza dei rischi per l’intera comunità appariva diffusa e condivisa. Gli accordi di Parigi, nel dicembre 2015, firmati da 195 Paesi, sembravano andare nella direzione giusta, con l’impegno a mantenere l’aumento del riscaldamento ben al di sotto di due gradi rispetto al livello preindustriale. Ma poi è arrivato Donald Trump che ha stracciato quell’intesa, rilanciando l’uso del carbone, principale responsabile della malattia atmosferica.

Lo stato di salute del nostro pianeta è passato di colpo in secondo piano. Il ritorno del sovranismo ha avuto anche questo esito nefasto: i muri, i confini, il sacro suolo patrio, la chiusura nel proprio egoismo nazionalistico hanno obnubilato ogni visione complessiva. Lo stesso fenomeno dell’immigrazione viene affrontato solo in termini di strenua, spesso impietosa e feroce, difesa della propria identità. Dimenticando che la fame e la miseria, insieme con la guerra, sono la causa principale di questo esodo biblico: se la siccità brucia i campi e uccide gli armenti, una civiltà muore. Il resto lo fanno le bombe.

Ma Trump, Putin, Erdogan, Xi Jinping hanno tanti di quegli interessi economici e militari da non preoccuparsi certo delle condizioni ambientali. Rivali nella spartizione delle zone d’influenza ma complici nell’assassinio dei continenti.  In Cina siamo poi al paradosso: “ più di un milione di auto elettriche - ha evidenziato The Economist- attinge alla rete elettrica, che ricava due terzi della sua energia del carbone. Il risultato è che le auto elettriche producono più anidride carbonica dei modelli a benzina a basso consumo”.  Il danno e la beffa. E’ chiaro che il rapporto tra ecologia e processi produttivi, lo dimostra anche il caso dell’Ilva, non è ancora stato risolto. Questa dovrebbe essere la grande sfida per la politica mondiale.

L’estate del 2018 segna ora uno spartiacque. La stagione che ci stiamo lasciando alle spalle è stata calamitosa. I danni sono evidenti, il pericolo è qui ed ora, non in un futuro prossimo. Non è in gioco la sopravvivenza dei nostri figli e nipoti, ma di noi stessi.  Scienziati e ambientalisti stanno rialzando la testa. Riusciranno a unire, almeno nella difesa del proprio pianeta, i confusi abitanti della Terra? Più verde, più alberi, più ruscelli, più campi di grano, più animali, meno petrolio e carbone, via la plastica. Più api e meno zanzare, più grilli e meno mosche. Il ritorno delle lucciole, esulterebbe Pier Paolo Pasolini.  L’internazionale della natura, futura umanità.

Post scriptum: il 15 settembre del 2008 implose la banca d’affari Lehman Brothers. Sono passati dieci anni ma la crisi non è finita. Le banche sono state salvate, i cittadini no. Le bolle speculative continuano ad essere sospinte dal vento dei facili guadagni. L’inquinamento dell’economia procede in parallelo con quello dell’ecosistema. Parole simili, analogo destino.


10 Settembre 2018
Powered by Adon